Pensieri e Parole

il treno delle 6

15
Nov

il treno delle 6

trenoUn appassionante racconto ricco di suspance scritto da Laura Garavaglia arricchisce la sezione di "pensieri e parole".

Buona lettura.

hillary clinton

21
Set

hillary clinton

pensierieparole

Donne in politica: perché? Molte risposte le fornisce Hillary Clinton nel suo discorso, ma sicuramente la motivazione che ci muove è nel nostro passato e nel progetto  per il futuro che vogliamo per noi, per i nostri figli, per l’intera umanità.

 

 

 

 

 

 

Pari opportunità per i generi, per i talenti, per tutte le cittadine e i cittadini che hanno coltivato un’idea di miglioramento delle società in cui vivono, senza dare importanza alle provenienze sociali o culturali, ma sempre puntando al risultato. Donne e bambini protetti ed incoraggiati per un domani più giusto e condiviso da tutti, nelle aspirazioni, nelle sicurezze sociali, con garanzie di studio, di lavoro, di cura della salute: con più donne in politica forse si potrebbe sperarlo per il mondo intero!

Donne in politica nel ventunesimo secolo: perché? Perché abbiamo opportunità sconosciute alle nostre madri, perché vogliamo un futuro migliore per le nostre figlie. E’ l’ora di avere uguali opportunità e rispetto, l’ora di non accettare limiti e pregiudizi. Concediamoci il lusso del coraggio! Gustiamoci il discorso di Hillary Clinton e cominciamo a progettare anche in Italia una politica più rosa di oggi.

 Elena Merazzi

libri in corsia

5
Set

libri in corsia

libri_in_corsia

OSPEDALE SANT’ANNA : NON SOLO CURE

Forse non tutti sanno che all’interno dell’ospedale cittadino “Sant’Anna” esiste una vera e propria biblioteca a disposizione dei pazienti.. E’ un locale allegro e accogliente posto al terzo piano del vecchio blocco, aperto da lunedì a giovedì dalle 15,00 alle 17,00, che raccoglie circa 2.800 volumi. di diverso genere: narrativa, saggi, manuali, opere teatrali, biografie e tanto altro, tutti regolarmente catalogati e collocati in modo facilmente consultabile. 

Che cosa è lo sport?

25
Ago

Che cosa è lo sport?

carlotta

08-08-08 : inizio della 29° edizione delle Olimpiadi di Pechino.

Evento mondiale che sta monopolizzando l’attenzione di tutti facendo diventare lo sport l’argomento del mese.

Molte parole si stanno spendendo per descrivere tale manifestazione e per questo non è facile trovare qualcosa di nuovo da dire.

Per non cadere nei soliti luoghi comuni e nelle solite facili polemiche quale miglior fonte dei bimbi?

Ho deciso di chiedere ad alcuni piccoli tra i 3 e gli 8 anni  che cosa fosse lo sport, anche perché i “grandi” stanno rispondendo con i fatti a questa domanda, facendoci vedere uno sport pulito e al di sopra di ogni questione politica.

E’ stato molto divertente domandare loro una definizione perché ho ricavato pensieri davvero originali e buffi.

Ovviamente tutti gli intervistati pensano che lo sport faccia bene perché “allontana le brutte malattie” ed è un’occasione per passare del tempo con altri bimbi come loro.

Qualcuno è più scaltro e la prima cosa che gli è venuta in mente è stata: “se non ho finito i compiti dico che è perché sono andato  a fare gli allenamenti”.

C’è chi non vede l’ora di andare in palestra perché il momento dello sport “è il momento con la mamma che mi aiuta a mettere la tutina rosa e poi sta lì a guardarmi e a “dimmi  bava”.

La competizione già si sente, infatti quasi tutti, timidamente, confessano che “è più bello vincere”ma dicono che sono contenti anche se vince un loro amico.

Per concludere ho lasciato la risposta che per me è la più bella, data da M.,3 anni, che mi ha detto:

“Callotta lo sport è una cosa che si fa per stare insieme senza litigare e poi mi fa diventare muscoloso!”

Un diritto "contaminato"

29
Lug

Un diritto "contaminato"

carlotta

La globalizzazione ha portato con sé una nuova redazione del linguaggio giuridico.

Organizzazioni plurinazionali, come l’Unione europea, o sopranazionali emanano direttive che vengono poi applicate negli ordinamenti dei singoli Paesi.

Greaduation day wishes

29
Lug

Greaduation day wishes

amarIl portale è lieto di pubblicare la lettera scrittada Amarjyoti per festeggiare un importante traguardo quale la laurea degli studenti dle Poli

Dear Friends,

At the outset let me congratulate you all on Graduating from Politecnico!Politecnico has been positioned as the number 1 “Numero Uno” University among all the Universities in Italy, a reason more to be happy about. 

ITALIA: UN CALCIO ALLA CULTURA

17
Lug

ITALIA: UN CALCIO ALLA CULTURA

carlottadi Carlotta Turconi
 
Come stagista incaricata della rassegna
stampa, inizio a sfogliare vari quotidiani per trovare notizie da inserire nel
nostro sito.

Mi è stato detto che uno dei temi su cui devo
focalizzare la mia ricerca è la cultura perciò non ho potuto fare a meno di
leggere l’articolo intitolato “Il declino della cultura”.

La Repubblica, analizzando il
rapporto annuale di Federculture, rappresenta l’Italia come “ un Paese che
potrebbe ma non fa”
.

Siamo leader nel design, siamo secondi al mondo,
dopo la Cina,
nell’esportazione di prodotti creativi e deteniamo il primo patrimonio
artistico e culturale del pianeta.

Questo però, sembra non essere un sufficiente
incentivo ad investire nella cultura, nella ricerca e nello sviluppo.

Allora dove vengono destinati i finanziamenti?
Nel calcio!

Piuttosto che sponsorizzare un evento
culturale si opta per vedere il proprio marchio su una maglietta o ai bordi di
un campo verde.

E’ una scelta che mi lascia un po’ perplessa
perché così facendo si rischia di perdere una ricchezza importante.

Ma di chi è la colpa?

Delle persone che dimostrano più attaccamento
alla fede calcistica piuttosto che alle proprie tradizioni o degli imprenditori
che vedono nei calciatori il miglior mezzo per far pubblicità? Difficile dirlo.

Leggo dei dati interessanti che sembrano voler
contraddire quanto è stato scritto:

in Italia, nel 2007 la spesa in cultura delle
famiglie è stata di 61,5 miliardi di euro, con un incremento del 2,3 percento
rispetto all’anno precedente.

Ma allora La Repubblica ci vuol dare
un po’ di speranza!! L’interesse per la cultura c’è!

Quali iniziative possiamo adottare per farlo
aumentare?

Eleggere Totti come Ministro dell’Istruzione
Pubblica?

Nominare Vieri Direttore Artistico ai Musei
Vaticani?

Esperienze di successo - Progetto Aurora 2008

9
Mag

Esperienze di successo - Progetto Aurora 2008

{youtube}sC5DPdjVBKI{/youtube}

Anche quest’anno il corso per genitori tenuto da Valerie Moretti è stata un’esperienza entusiasmante.
Che emozione accogliere per 5 mercoledì 650 genitori venuti, come dicono molti di loro, a ‘fare esercizio’ per diventare genitori migliori, più capaci di capire i figli per vivere con più consapevolezza e serenità la delicatissima stagione dell’adolescenza.

CARE AMICHE...BUON ANNIVERSARIO!

5
Mag

CARE AMICHE...BUON ANNIVERSARIO!

pensieriparoleCOMO - 4 maggio 2008

Venerdì 4 maggio 2007 veniva presentato alla stampa il progetto "Unite nel portale della rete"  Un sito internet  con l'obiettivo di creare uno spazio di discussione e confronto dedicato alle donne. Vi ricorda qualcosa? Un anno è trascorso e siamo qui a condividere questa esperienza. Qualcosa abbiamo fatto, qualcosa in più si poteva fare, qualcosa di nuovo faremo. Grazie a tutte Voi. Laura Ratti

 

LA FESTA DELLA GIUBIANA

23
Gen

LA FESTA DELLA GIUBIANA

festepaeseQuella della Giubiana è una festa tipica della provincia di Como e dell'Alta Brianza, si svolge generalmente l'ultimo giovedì (giobia) del mese di gennaio. Consiste nel bruciare in piazza un grande fantoccio vestito di stracci, che rappresenta la "Giubiana", luna vecchia che impersonifica l'inverno.  Il rogo assume valori diversi a seconda della località in cui si trova, mantenendo sempre uno stretto legame con le tradizioni popolari del luogo.A Cantù la leggenda vuole che la Giubiana rappresenti la bellissima ragazza che  la notte di un giovedì di gennaio di oltre settecento anni fa si fece  consegnare con l'inganno le chiavi della città per poter aprire i battenti della porta ai Visconti, che conquistarono il paese. A Canzo la Giubiana è addirittura sottoposta ad un vero e proprio processo in "canzese".Ad Albavilla un corteo trasporta in giro per il paese il fantoccio della Giubiana, destinato al rogo, seguito da alcuni carri allegorici.La tradizione inoltre vuole che il giorno della Giubiana si mangi  il "risotto con la luganega "(salsiccia).

Calendario:

26 gennaio BREGNANO - centro polifunzionale,  dalle 19,00 intrattenimenti vari, ore 21,00 il rogo

26 gennaio CADORAGO - c/o oratorio parrocchiale dalle ore 20,30

26 gennaio GUANZATE - Piazza Partigiani dalle ore 21,00

27 gennaio CADORAGO/BULGORELLO Rogo Giubiana con risottata c/o Oratorio

27 gennaio LOMAZZO  - area feste via del Ronco dalle 15,00 intrattenimenti, rogo in serata

31 gennaio CANTU' - Piazza Garibaldi dalle ore 20,45

31 gennaio CANZO - Centro Storico dalle ore 20,30

1 febbaio ANZANO DEL PARCO -  struttura polivalente via Valera, dalle ore 20,30

2 febbraio ALBAVILLA - Frazione Carcano - corteo e rogo propiziatorio - dalle ore 20,00

 

Condividi contenuti