Pensieri e Parole

Ospedale Sant’Anna: eseguito il primo prelievo d’organi a cuore fermo.

06
May

Ospedale Sant’Anna: eseguito il primo prelievo d’organi a cuore fermo.

La procedura è stata effettuata il 29 aprile ed è stata eseguita con la tecnica denominata perfusione regionale normotermica. Gli organi(fegato e reni) sono stati prelevati dall’équipe di chirurghi del Centro Trapianti dell’ospedale Niguarda di Milano da un uomo di 69 anni e trapiantati con successo.La donazione è stata possibile grazie alla generosità della famiglia del donatore che ha voluto, seppure in un momento così doloroso, dare voce alla volontà del congiunto.

Dialogo sulla poesia tra una mamma e la figlia di 6 anni, di Maddalena Zullo e Emma Pasca, dal libro "Le Finesi si raccontano"

19
Mar

Dialogo sulla poesia tra una mamma e la figlia di 6 anni, di Maddalena Zullo e Emma Pasca, dal libro "Le Finesi si raccontano"

M. Chi sono gli amici della poesia? F. I bambini, le parole, gli oggetti, la fantasia, i disegni. M. A che cosa serve una poesia? F. Per fare festa. M. Quali sono gli ingredienti di una poesia? F. Le parole, l’amore, il cuore e il sorriso. La tua voce, la fantasia, le orecchie, un foglio, le rime, una penna, una matita, un pennarello.

Un maestro "speciale", di Anna Gaboardi, dal libro "Le Finesi si raccontano 2"

19
Mar

Un maestro "speciale", di Anna Gaboardi, dal libro "Le Finesi si raccontano 2"

Ricordo Selene, la bambina che con la sua famiglia di giostrai “passava” da Fino con il suo favoloso luna park, allestito per qualche anno in “zona alpini/autostrada”. Lei è stata per noi una compagna particolare che, per pochi giorni, ci regalava quello che per noi, grazie al nostro maestro, era diventato un grande privilegio: avvicinarsi a una cultura e ad abitudini di vita molto diverse dalle nostre, stimolando quindi un approccio, per sua stessa natura, incuriosito, dagli esiti arricchenti

L'arca di Noè, di Elena Merazzi, dal libro "Le Finesi si raccontano 2"

19
Mar

L'arca di Noè, di Elena Merazzi, dal libro "Le Finesi si raccontano 2"

Fu subito indetta una riunione di famiglia fra gli umani: il fatto era gravissimo! Al tacchino fu dato un nome adatto al suo comportamento: Nerone. Irma ed Elena erano bambine, non volevano più avvicinarsi al pollaio, perché già da qualche tempo Nerone tentava di beccarle. Pina e Maria hanno appoggiato subito la decisione di Mario: era giunta l’ora che il bruto finisse in padella.

Fino Mornasco e la sua valle incantata, di Camilla Nuccia, dal libro "Le Finesi si raccontano 2"

19
Mar

Fino Mornasco e la sua valle incantata, di Camilla Nuccia, dal libro "Le Finesi si raccontano 2"

Avvolto nella vestaglia blu, mentre aspettava l’ambulanza che l’avrebbe portato a Villa Aprica in quello che sarebbe stato il suo ultimo viaggio, si affacciò alla finestra della cucina, poggiò il suo bel viso emaciato e sofferente ai vetri e guardando verso l’alto mormorò sottovoce:“Povero il mio orto, povero il mio giardino!”. Lo abbracciai forte col cuore che scoppiava.

Io, costumista della compagnia teatrale “I Nuovi Del Mulino”, di Irma Merazzi, dal libro "Le Finesi si raccontano 2"

19
Mar

Io, costumista della compagnia teatrale “I Nuovi Del Mulino”, di Irma Merazzi, dal libro "Le Finesi si raccontano 2"

Quando ero giovane e vanitosa, mi piaceva cambiarmi tutti i giorni e ovviamente la questione cromatica era importante, perciò ogni abito aveva la sua fascia per i capelli e lo smalto dello stesso colore, che rinnovavo tutti i giorni: avere le mani ben curate era importante per una sarta!

Vincita a sorpresa, di Liliana Novati, dal libro "Le Finesi si raccontano 2"

19
Mar

Vincita a sorpresa, di Liliana Novati, dal libro "Le Finesi si raccontano 2"

Pina si appoggiò al bancone e respirò a fondo. Il cuore le batteva forte, se lo sentiva in gola. Ricontrollò ancora una volta il biglietto, sicura che il desiderio di vincere l’avesse ingannata. E invece no. Tra i numeri vincenti del Gratta e vinci c’era il 33. E proprio sotto al numero 33, dopo aver grattato con una monetina lo strato di alluminio, c’era quella piccola scritta magica che le aveva tolto il respiro: “hai vinto 10.000 euro”.

Accoglienza, di Maria Teresa Cairoli, dal libro "Le Finesi si raccontano 2"

19
Mar

Accoglienza, di Maria Teresa Cairoli, dal libro "Le Finesi si raccontano 2"

Dopo la fine della seconda guerra mondiale, a Fino Mornaco si vive una ripresa delle attività industriali e si creano nuovi posti di lavoro. Questo fiorire di possibilità lavorative attrae a Fino persone che, dal sud Italia, cercano occupazione e dimora. Nell’autunno del 1948 i miei genitori offrono il tinello ad una coppia che si è trasferita da Laterina. L’inserimento di un letto tra i mobili esistenti risolve il loro problema residenziale.

Le donne nello sport, di Katia Arrighi, dal libro "Le Finesi si raccontano 2"

19
Mar

Le donne nello sport, di Katia Arrighi, dal libro "Le Finesi si raccontano 2"

Parlare di donne e a favore delle donne mi è sempre piaciuto tanto. Essere donna nel nostro paese non è ancora semplice ed agevole. Gli ostacoli, i problemi, gli intoppi, ci sono sempre e sono dettati da preconcetti culturali e sociali. Nella mia vita professionale e umana ho deciso, per quanto mi è possibile, di dare voce alle donne e dare loro la possibilità di manifestare appieno le proprie capacità, creando occasioni, incontri, contatti e sinergie.

La Pazzea nel cuore, di Rosangela Barbieri, tratto dal libro "Le Finesi si raccontano 2"

19
Mar

La Pazzea nel cuore, di Rosangela Barbieri, tratto dal libro "Le Finesi si raccontano 2"

Le piaceva raccontarci aneddoti del passato - come la storia del tasso, che aveva la sua tana sotto i grossi ‘scerish’ (serizzi) lungo le rive del Seveso e che pareva aspettasse Alberto ogni sera - o la storia della volpe, che era entrata più volte di notte nel pollaio ed aveva rubato parecchie galline. Con un velo di malinconia, le sembrava di rivedere la madre rientrare dalla campagna con la gerla e la ‘cavagna’, o il fratello con la ranza a tagliare l’erba o a “fa’ fen” nei campi.
Condividi contenuti